Dalla cucina per bambole ai costumi tipici ai castelli in miniatura

Anche se mancano ancora diversi mesi all'edizione 2018, è già ora di parlare della 65^ Mostra Concorso dell'Artigianato Valdostano. Sono stati infatti definiti i temi che le diverse categorie di artigiani presenti all'evento dovranno rispettare nel realizzare e proporre le proprie opere alla manifestazione che si svolgerà ad Aosta.

 

La manifestazione, nata nel 1954 e inizialmente riservata soltanto agli scultori, col passare degli anni e oggi comprende altri settori come l'intaglio decorativo, la tornitura, gli oggetti e attrezzi per agricoltura, la tessitura, la lavorazione del cuoio e del ferro battuto, i giocattoli, i mobili, i costumi, gli oggetti in vannerie e le calzature tipiche.

Vediamo i temi dell'edizione della prossima estate. Attrezzi e oggetti per l'agricoltura: chouatta; lavorazioni in ferro battuto: cerniere con cardini per portoni di fabbricati rurali; mobili: sedia a dondolo; intaglio decorativo: la petineuse; oggetti torniti: centrotavola a due piani; oggetti in vannerie: cesto da parete; sculture tuttotondo o bassorilievo: gesti "perduti" della tradizione rurale valdostana; lavorazioni in pelle e cuoio: cintura intrecciata; dentelles di Cogne, chanvre di Champorcher, drap di Valgrisenche: cuscino d'arredamento; costumi tradizionali: costume di Perloz; fiori in legno: Achillea moschata Wulfen subspecie moschata; costruzioni in miniatura: castello di Châtelard; pietra locale: mascherone da fontana; giocattoli: cucina per bambole; ceramica: zuppiera con coperchio; vetro: vetrata artistica con decorazione araldica; rame: pentola in rame; oro e argento: anello solitario.